Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2012

Bagnasco: “La malattia non si risolve eliminando il malato”

Immagine
«La malattia non si risolve eliminando il malato, ma curandolo e accompagnandolo. La malattia più temuta e il dolore più grande sono la solitudine e l’abbandono», scandisce all’ambasciata d’Italia presso la Santa Sede il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Conferenza episcopale italiana. Inaugurando lafondazione «Flyings Angels», Bagnasco lancia un pubblico appello contro l’eutanasia.
In privato, a colloquio in una saletta dell’ambasciata con i ministri del Welfare Elsa Fornero e della Salute, Renato Balduzzi, mette in guardia da tagli eccessivamente drastici alla spesa sociale e alla sanità, ribadendo la centralità della persona. A fornire l’occasione per l’incontro «fuori programma» con i due esponenti dell’esecutivo è stata la nascita della fondazione «Flyings Angels», istituita con lo scopo di trasferire rapidamente i bambini malati nei vari ospedali pediatrici, tra i quali l’Istituto «Gaslini» di Genova.
Nel presentare la conferenza, l’ambasciatore…

Laterza, Vito Cristella. Dopo la sclerosi anche il Retinoblastoma del figlio

Immagine
Questo post è stato modificato dopo la sua prima stesura


dall'articolo del Quotidiano di Puglia del 26 Aprile 2012

di Nicola NATALE -  Avevamo lasciato Vito Cristella di Laterza a combattere con la sua sclerosi multipla. Con un video che martellava nella testa “Continuo a lottare” che in pochi mesi aveva scalato le classifiche dei gradimenti su youtube. Lui è un ragazzo di 24 anni che non avrebbe mai pensato di trovarsi a combattere con un male impietoso e con un sistema che non gli riconosce nemmeno la miseria dell’assegno mensile per andare avanti. In più nella sua particolarissima situazione ha avuto un figlio dalla sua giovanissima ragazza, il piccolo ha ora 8 mesi. Ma, colmo delle sfortune, è malato anche lui. Diagnosi impietosa dell’Ospedale Bambin Gesù di Roma: retino-blastoma monolaterale. Vito l’abbiamo incontrato di recente, arrabbiato per il conto salatissimo che la vita gli ha presentato, ma più che determinato a lottare per ottenere un aiuto di cui non può più fare a meno. …

Parigi, bambini all'asilo con microchip, benvenuti nel NWO!

Immagine
PARIGI – Dopo cani e gatti, cassonetti della spazzatura, libri, bestiame, vestiti e passaporti, i chip Rfid (identificazione a radio frequenza) equipaggeranno i bambini di un asilo parigino. «La sperimentazione punta a incrementare la sicurezza dei piccoli – dice Patrick Givanovitch, a capo dell’azienda Lyberta -; installeremo in tutti i locali dei rilevatori e, grazie al chip inserito in una maglia, gli uomini del controllo video sapranno in ogni istante dove si trova un bambino, e soprattutto se è entrato o uscito dall’asilo. In caso di uscita imprevista, un sms partirà automaticamente per avvisare i genitori e la direzione dell’istituto». PRO E CONTRO - L’idea di dotare di chip elettronici dei bambini di tre anni sembra rispondere alle esigenze del momento: ridurre i costi del personale di sorveglianza, placare la fame di sicurezza di genitori e cittadini in generale, in Francia già cavalcata con alterne fortune dal presidente Sarkozy. Ma è una buona idea? «Chiudere i bambini in una…

Disabile dalla nascita: le tolgono l’indennità e chiedono arretrati

Immagine
PAVULLO (MO) – Prima la visita di controllo nel settembre 2010, poi l’attesa quotidiana per conoscerne l’esito e infine la doccia fredda, inattesa, il 21 dicembre scorso tramite lettera raccomandata: Monica Martinelli, 44 anni, disabile afflitta dalla nascita da una malattia equiparabile alla paraplegiache non le consente di camminare, ha perso il diritto, dopo 38 anni, a ricevere l’assegno di accompagnamento. A comunicarglielo, con lettera raccomandata arrivata 15 mesi dopo gli accertamenti, è stata l’Inps. Nel frattempo, ovvero dal 28 settembre 2010, giorno della visita da parte della commissione medica dell’ Istituto di previdenza di Modena, Monica ha continuato, fino al febbraio scorso, a ricevere l’assegno di accompagnamento. E ora l’Inps, a dimostrazione che la burocrazia italiana tanto bene non funziona, richiede indietro le somme percepite dalla propria assistita per il periodo dal 1 ottobre 2010 al 29 febbraio 2012, per un totale di 8224,86 euro. Monica, che lavora da anni come …

In 40.000 a Oslo cantano la canzone odiata dal killer (VIDEO)

Immagine
Sono stati almeno 40.000 i norvegesi che sono scesi in piazza ieri a Oslo per cantare "Children of the rainbow" (''Bambini dell'arcobaleno''), la canzone popolare (inno dell'uguaglianza) odiata da Anders Behring Breivik, il serial killer che nel luglio del 2011 uccise ben 77 persone.(fonte Ansa)


GUARDA IL VIDEO!! da corriere.it
Redatto da Raimondo per Niente Barriere
SEGUICI SU FACEBOOK !!
SEGUICI SU TWITTER !!
SEGUICI SU GOOGLE+ !!

L’Imu così è da vigliacchi

Immagine
Questo post è stato modificato dopo la sua prima stesura
AGGIORNAMENTO: Imu: cornuti e mazziati - Ferruccio Sansa - Una tassa che colpisce i più deboli, mentre i grandi costruttori restano fuori. Per chi ha comprato casa, dopo 30 anni di risparmi, sarà come pagare il fitto per vivere a casa sua. (Fonte: Cado in Piedi)
GUARDA IL VIDEO!
---
E’ proprio vero che il diavolo si nasconde nei particolari. Come in quell’articolo 13 della Salva Italia che vorrebbe far pagare agli anziani ricoverati a tempo indeterminato in case di riposo un’Imu pazzesca sulla propria eventuale abitazione in proprietà. L’Imu che si richiede a chi ha una seconda casa: il doppio di quella che si paga per la prima casa. Una vera e propria patrimoniale occulta. Sono state modificate quelle norme che, fino allo scorso anno, permettevano agli anziani ricoverati a tempo indeterminato ma proprietari di una abitazione, di essere completamente esentati dal pagamento di ogni tributo sulla prima casa. C’è di più. E’ sufficiente…

Il governo boccia il fondo per i disabili. L’assistenza a carico delle famiglie.

Immagine
Che fine farà mio figlio quando io non ci sarò più? Chi lo assisterà? E’ questa una delle domande angoscianti che si pongono tutti i genitori che hanno un figlio disabile, in particolare con disabilità psichiche. La risposta, per ora, non verrà senz’altro dal Governo, che ha bocciato l’istituzione di un fondo ad hoc, da 150 milioni di euro, per i disabili gravi nel momento in cui restano senza familiari che li possano accudire, anche ribattezzato fondo per il ‘dopo di noi’. Nell’ultima audizione della commissione Affari sociali infatti, Cecilia Guerra, sottosegretario alle Politiche sociali, ha dato parere negativo al provvedimento che è all’esame dei deputati dal 2010.
Una decisione che, oltre a suscitare le critiche bipartisan dei membri della commissione, ha lasciato di stucco tutti quei genitori che attendevano una risposta. E non sono pochi. In Italia, secondo i dati del Censis, ci sono 4,1 milioni di persone disabili, pari al 6,7% della popolazione, e 2,6 milioni sono in condizi…

India, il governo “elimina” a tavolino i poveri

Immagine
Troppi poveri? Aboliamoli. Questa la “brillante” idea del governo indiano per ridare smalto alle statistiche allarmanti che riguardano la situazione economica e sociale del Paese. Il Presidente della Commissione quinquennale Montek Singh Ahluwalia, ha deciso di abbassare la soglia dell’indigenza a 22 rupie al giorno per le zone rurali e 28 per quelle urbane. L’equivalente di meno di 50 centesimi di euro al giorno. Solo con questa trovata è riuscito a dimostrare che negli ultimi 5 anni la povertà in India è diminuita del 7,3%.
E non solo. Abbassando la linea di povertà è riuscito anche diminuire le richieste di assistenza statale, che interessano milioni di persone. Un risparmio notevole per le casse indiane. Alle proteste della popolazione il primo ministro Manmohan Singh ha risposto ridimensionando lo scandalo ed assicurando che la linea di povertà non sarà l’unico parametro per l’accesso agli aiuti statali. E pensare che Manmohan Singh è stato protagonista della grande rivoluzione degli …

Intascava contributi per disabili: truffa da 600.000 euro alla Asl

Immagine
Per 10 anni, indisturbata, ha intascato centinaia di migliaia di euro di soldi pubblici, truffando l’Asl di Bologna con false richieste di contributi per disabili che poi lei stesse provvedeva a riscuotere. Prima di essere scoperta, all’inizio del 2011, ha messo insieme un ‘tesoretto’ da 619.700 euro: ora però l’aspetta molto probabilmente un processo per truffa aggravata e falso, come ha chiesto il pm Giuseppe Di Giorgio.
L’inchiesta della Procura, affidata a Di Giorgio dopo la presentazione da parte dell’Asl di un esposto nei confronti della propria dipendente infedele, è giunta al termine e nei giorni scorsi il pm ha chiesto il processo per la donna, Patrizia B., 60enne bolognese. Sarà un gip a decidere se mandarla a processo, ma gli inquirenti, già nel corso delle indagini, avevano messo le mani avanti: nel febbraio del 2011 le furono sequestrati beni per 400.000 euro. Si tratta di case, conti correnti e perfino una quota del suo Tfr, tutti sequestrati “per equivalente”, ovvero co…

Il 12 maggio disabili in piazza

Immagine
Non una protesta, ma un'occasione d'incontro per far sentire la loro voce e sottolineare che i disabili esistono e sono parte integrante dello sviluppo del Paese: e' quella organizzata dal Coordinamento nazionale famiglie di disabili gravi e gravissimi e dalle associazioni dei disabili per il 12 maggio prossimo. "Le famiglie sono il vero Welfare di questo Paese - sostengono i promotori - e fanno risparmiare allo Stato svariati miliardi di euro senza pero' poter contare su sostegni adeguati. (fonte ANSA)
Redatto da Raimondo per Niente Barriere
SEGUICI SU FACEBOOK !!
SEGUICI SU TWITTER !!
SEGUICI SU GOOGLE+ !!

Sul rimpatrio dei clandestini anche i francesi non scherzano (VIDEO)

Immagine
GUARDA IL VIDEO!
Le immagini choc dei clandestini da rimpatriare seduti in fondo ad un aereo, con lo schoc sulla bocca, hanno scatenato un putiferio indignando tanta gente. Ma cosa sarebbe successo se invece delle fotografie, qualcuno avrebbe fatto circolare un video proprio come è successo in Francia?  Libertè, Egalitè e Fraternitè' dei miei copertoni di carrozzina!!
Redatto da Raimondo per Niente Barriere
SEGUICI SU FACEBOOK !!
SEGUICI SU TWITTER !!
SEGUICI SU GOOGLE+ !!

Malata di Alzheimer picchiata da un infermiere (VIDEO)

Le scene agghiaccianti che avete potuto vedere nel video sono state girate in gran segreto (grazie ad una telecamera nascosta in una sveglia) dalla figlia di Maria Worroll, una donna ottantenne malata di Alzheimer. Il video è servito per incastrare e condannare a 18 mesi di carcere Jonathan Aquino per maltrattamenti.
Redatto da Raimondo per Niente Barriere
SEGUICI SU FACEBOOK !!
SEGUICI SU TWITTER !!
SEGUICI SU GOOGLE+ !!

Facebook rende solitarie molte persone

Immagine
Preferite stare a casa o uscire? Dormire o ballare la sera in discoteca? Ma soprattutto, preferite passare la vostra vita su Facebook, oppure condividere con altri esperienze e passioni uscendo insieme magari qualche giorno? Cari lettori di Fesbook, come avrete ben notato dal titolo e dalle domande che vi ho posto sopra, oggi parliamo di un argomento abbastanza insolito, ovvero l’effetto che il nostro caro Social Network crea sulla popolazione. Proprio per questa ragione, una studentessa laureata presso l’Human-Computer Institute di Carnegie Mellon, di nome Moira Burke, ha già avviato uno studio sul comportamento di 1.200 utenti di Facebook che è ancora in corso. Dalle prime prove, emerge una situazione alquanto disastrante, poiché le conseguenze degli effetti che vengono generate dal Social Network sembrano rendere l’utente “solitario”. Ovviamente il tutto dipende da come il Social Network di Mark Zuckerberg viene utilizzato: se passate la maggior parte della giornata solamente su Face…

Mons. Echevarria «ll novanta per cento degli handicappati sono figli di genitori che non hanno mantenuto la purezza del proprio corpo prima del matrimonio»

Immagine
Questo post è stato modificato dopo la sua prima stesura 

AGGIORNAMENTO - Grazie ad un nostro lettore (Luca M.) siamo venuti a conoscenza che quanto raccontato in questo post è datato 1997. In un articolo del Corriere della Sera (che linkeremo sotto) il Vescovo smentì quell'affermazione riportata dal "Giornale di Sicilia", e dichiarò che quella sua frase era stata detta per commentare i risultati di un sondaggio. Echevarria sottolineò successivamente che la frase incriminata si riferiva in particolare ai figli delle coppie sieropositive. 
Per approfondire leggi: Handicap, gaffe dell' Opus Dei Monsignor Echevarria: sondaggio rivela che i genitori dei disabili non sono arrivati puri al matrimonio. Le associazioni: orrore e disagio. La smentita: frase colloquiale, si riferiva ai figli delle sieropositive. " un equivoco, ma e' pericoloso: accende dibattiti regressivi "
---

«ll novanta per cento degli handicappati sono figli di genitori che non hanno mantenuto …

Ambiente, la FAO aderisce all'Earth Day 2012 a difesa delle foreste

Immagine
Il 22 aprile di ogni anno si celebra la Giornata della Terra. Circa l'80% delle specie animali del Pianeta vive nelle foreste mentre 1 miliardo e 600milioni di persone vivono grazie alle risorse che le foreste offrono loro: non solo legname, ma anche cibo, grazie alla selvaggina e la frutta mentre spezie ed erbe medicinali sostengono l'economia di molte popolazioni. Senza dimenticare che a dipendere dalle foreste sono 7 miliardi di persone: l'intera popolazione mondiale che deve alle foreste il proprio ossigeno. Consapevole di questo, la Fao partecipa e patrocinia l'Earth Day "con grande entusiasmo, perché gli obiettivi della Festa della Terra sono molto vicini agli obiettivi del dipartimento delle Foreste e della Fao in generale", spiega all'Adnkronos Rosalaura Romeo, del dipartimento Foreste della Fao. Intanto, al concerto del 22 aprile di Napoli parteciperà Anggun, la cantante indonesiana che si è molto impegnata in occasione nella ricos…

Sette anni, cieco e sordomuto: l’Inps nega l’indennità

Immagine
di Cinzia Brancato - La sua vita non ha né colori né suoni. I suoi compagni di giochi sono il silenzio e la notte. Ciro ha sette anni e da quando è nato è cieco, sordo, muto. E non cammina. La sua vita poteva diventare un’occasione di riscatto per tanti. Come fai a non aiutare il bambino che non parla, non sente, non vede e ha un serio ritardo motorio? In tanti, invece, si sono messi a schiaffeggiarlo. Come se la vita non l’avesse già abbastanza umiliato. Per la burocrazia Ciro non è un invalido al 100 per cento. Al bambino di Acerra che non conosce suoni né colori e non ha gambe per correre, l’Inps di Nola da quattro anni non riconosce l’assegno di accompagnamento. Quasi cinquecento euro al mese negati. Al bambino viene riconosciuto soltanto un indennizzo per la cecità. La mamma e il papà hanno fatto richiesta perché gli venga riconosciuta anche la sordità, ma la pratica, da due anni, si è persa tra gli scaffali dell’Inps. Il decreto è stato anche accettato, ma del pezzo di carta non c…

"Lui e' un topo, noi siamo esseri umani. Due specie diverse". Parte la Controcampagna ai cartelloni dei vivisettori

Immagine
Vale più un topo o un bambino? La campagna pubblicitaria pro-vivisezione ResearchSaves, lanciata negli Stati Uniti nei giorni scorsi dalla FBR, Foundation for Biomedical Research, e per ora apparsa nella sua versione italiana solo su alcuni giornali italiani  e sul sito mal tradotto e "undreconstruction" ricercasalva.it , si sta già ritorcendo contro i suoi promotori e potrebbe avere un vero e proprio inaspettato effetto boomerang. Se da un lato la lobby vivisezionista corre ai ripari per difendere il suo diritto ad ammazzare animali per falsi motivi "scientifici", facendo leva su meccanismi emozionali e sfruttando una vecchia e fuorviante argomentazione con la domanda "Chi preferisci vedere vivo, il topo o la bambina?" in inglese, o con il topo che sussurra sempre alla bimba "Un giorno ti potrei salvare la vita" in italiano, gli antivivisezionisti, allora, controbattano con una contro-campagna informativa di risposta, che riprende lo stesso conc…

Somalia, Shabab arruolano disabili per il jihad

Immagine
Mogadiscio - Le milizie dei giovani mujahidin somali (Shabab) che combattono contro il governo transitorio di Mogadiscio hanno iniziato a reclutare anche i disabili per portarli in prima linea a combattere il loro jihad. E' quanto emerge da un reportage condotto nel sud della Somalia dal sito informativo locale 'Somalia Report'. Spiega il sito che "in Somalia i disabili sono spesso considerati come un peso dalle loro famiglie e questo facilita il loro reclutamento da parte degli Shabab che combattono per il controllo del Paese. La poverta' dilagante della Somalia, dove da anni ci sono conflitti e carestie, ha reso difficile per i disabili trovare aiuto e per molti l'unica speranza e' quella di rivolgersi ai militanti islamici". (Adnkronos/Aki)

Redatto da Raimondo perNiente Barriere SEGUICI SU FACEBOOK (CLICCA)
SEGUICI SU TWITTER (CLICCA)

La misteriosa malattia in Vietnam

Immagine
Ha ucciso 19 persone e ne ha contagiate altre 171: le autorità non ne conoscono le cause e hanno chiesto aiuto all'Organizzazione Mondiale della Sanità e agli Stati Uniti

Le autorità sanitarie del Vietnam hanno chiesto aiuto all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e agli Stati Uniti per indagare su una malattia ancora non identificata, che fino a ora ha ucciso 19 persone e ne ha contagiate altre 171. I casi si sono verificati tutti in una provincia centrale del paese, dove il livello medio di povertà è alto e le condizioni di vita sono di conseguenza difficili. La patologia ha colpito principalmente bambini e adolescenti, ma non è chiaro che cosa la causi.
La malattia si manifesta con una iniziale febbre alta, cui seguono perdita di appetito ed eruzioni cutanee che ricoprono mani e piedi. I pazienti che non vengono curati per tempo e con i giusti farmaci possono sviluppare diverse complicazioni, principalmente a carico del fegato e di altri organi vitali, ha spiegato alla A…