Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2011

Nuovi tagli agli insegnanti di sostegno e alunni disabili trattati da "truffatori".

Immagine
Malgrado la protesta in piazza Montecitorio della scorsa settimana abbia avuto un discreto successo (con alcuni politici non hanno rimarcato ad usare quella manifestazione a loro uso e consumo, tramutandola di fatto in una loro vetrina), continuano ad arrivare pessime notizie sul fronte dei disabili italiani.
Il Governo attraverso l'ultima Finanziaria continua a stritolare lo Stato Sociale, incredibilmente continuando a criminalizzare i disabili. Vi assicuro che riportare ogni qualvolta queste notizie fa male, ma qui si continuerà a farlo. Non ci stancheremo e continueremo a lottare, denunciando quanto grave sia la situazione nel nostro paese nel campo dei diritti umani calpestati. La speranza e che quanto denunciato ripetutamente qui e su internet (ma anche dalle associazioni del settore) venga letto e condiviso da quanti ci leggono dall'estero (in modo che la nostra lotta e la nostra protesta abbia una svolta, e giunga quindi agli occhi di tutto il mondo).
L'Italia è il …

Gli ex fumatori sono irresistibili.

Immagine
L’Unione Europea lancia una nuova campagna antifumo: “Gli ex fumatori sono irresistibili”. Questo il titolo del progetto triennale che costerà 16 milioni di euro solo per il primo anno. Obiettivo: aiutare gli ex tabagisti a non ricadere nella trappola e i più giovani a non iniziare. Nel mirino anche i nuovi prodotti come le "sigarette senza fumo", gli aromi aggiunti e la pubblicità.

L’Unione europea lancia la nuova campagna anti-fumo. Obiettivo: aiutare gli ex fumatori a non ricadere nella trappola della sigaretta e i più giovani a non accenderla mai. Nel mirino anche i nuovi prodotti come le “sigarette senza fumo” in vendita sugli aeroplani, gli aromi aggiunti al tabacco e la pubblicità.

La Commissione europea non ha dubbi: “Gli ex fumatori sono irresistibili”. Questo è il titolo dell’ambiziosa campagna triennale portata avanti con un budget di 16 milioni di euro solo per il primo anno, che vuole assestare un duro colpo al fumo in Europa.

Le cifre. Secondo le statistiche del…

Disabili: 8 famiglie su 10 non assistite da servizi pubblici

Immagine
Stando al Rapporto sulla non autosufficienza in Italia nel 2010, sono due milioni e 600 mila gli italiani che vivono in famiglia in condizione di disabilità. Numeri a cui bisogna aggiungere i minori di 6 anni, che secondo le stime sono circa 200 mila persone.

Se otto su dieci di questi nuclei familiari non usufruiscono di servizi a domicilio pubblici, la richiesta di aiuto è invece esplicita: il 31,9% delle persone disabili che vivono sole e il 46,8% delle famiglie in cui tutti i componenti sono disabili dichiarano che avrebbero bisogno di assistenza sanitaria a domicilio erogata dalla Asl.

L’invecchiamento della popolazione non potrà che aggravare il problema: due milioni di disabili sono infatti persone anziane.La disabilità è pari al 9,7% della fascia di popolazione dai 70-74 anni, cresce fino al 17,8% nella fascia dai 75-79 anni per raggiungere il 44,5% degli ottantenni.

Un carico che ricade molto spesso sulle famiglie e specialmente sulle donne. Secondo l’Istat supera il 10% la qu…

Coma

Immagine
Da Aurora Web
"Vorrei raccontare la mia esperienza di coma, termine che in greco significa "sonno" e tutti sappiamo che è una condizione che provoca una totale perdita di coscienza, per una grande sofferenza del cervello, provocata da molti fattori, nel mio caso da sostanze estranee all'organismo: farmaci sedativi, barbiturici, ecc. Lascio ai professionisti il compito di giudizio, selezionando tutti i tipi di coma, catalogarli, dar loro, dietro conoscenze, punteggi giusti per definire, a prescindere dalla causa, lo stato di gravità.
Io sono e rimarrò una semplice "paziente", che nonostante la sofferenza del cervello, riesce a pensare, a captare, capire. Capire soprattutto che esiste una breve parola, ma terribile alla nostra mente: coma.
Anche se gli occhi sono chiusi, è sostanzialmente differente da uno che dorme, sei completamente isolato dal mondo esterno e vivi nella sospensione di questo nuovo pianeta.
Un giorno, dopo un paio di mesi di cure per depre…

Le mappe dell'inquinamento atmosferico in Europa

Immagine
La Commissione europea e l’Agenzia europea per l’ambiente hanno partorito e messo online a disposizione di tutti i cittadini una mappa dell’inquinamento nel vecchio continente. Il lavoro è mastodontico: si tratta di 32 mappe sovrapponibili che non solo permettono di localizzare le principali fonti diffuse di inquinamento atmosferico, ma anche di distinguere fra i principali inquinanti e il settore responsabile delle emissioni, dall’industria alla mobilità su gomma.
Rendere pubblici questi dati ha lo scopo, deliberato, di informare i cittadini europei perché reagiscano e si facciano sentire con le autorità locali. Lo dichiara apertamente Jacqueline McGlade, direttrice esecutiva dell’Agenzia europea per l’ambiente:
L’inquinamento atmosferico è una seria minaccia per la salute e in particolare per i soggetti vulnerabili come i bambini e le persone che soffrono di malattie respiratorie. Informando i cittadini sull’inquinamento atmosferico determinato dai trasporti, dalle case e da altre fon…

Essere positivi è un investimento redditizio

Immagine
La persona ottimista si ricorda di tutte volte che ha superato le avversità: quando affronta un momento difficile, non crede che durerà per sempre ed è sicura di poter fare qualcosa per superalo o per ridurne gli effetti.
L’autorevole psichiatra originario di Siviglia, Luis Rojas Marcos, ha sottolineato l’importanza dell’ottimismo nel suo discorso inaugurale come docente onorario dell’Accademia Reale di Medicina e Chirurgia di Siviglia. “Imparare a sentire e pensare positivo è, sicuramente, un investimento redditizio”  ha sostenuto nel suo discorso, intitolato “La scienza dell’ottimismo”. Rojas Marcos, ha affermato che “lavorando nel campo delle malattie ho imparato subito due lezioni. La prima è che il pensiero positivo ha un potere guaritore immenso. La seconda, è che l’ottimismo è molto più diffuso di quanto immaginiamo”.

Nelle dichiarazioni rese al periodico spagnolo ABC, ha ricordato che “lo studio scientifico dell’ottimismo è una disciplina nuova, perché fino a poco tempo fa ci …

Italia, prossima vittima della speculazione?

Immagine
La Federal Reserve rivede al ribasso le stime di crescita per il 2011/12. La frenata della Cina, per ora, si è tradotta in ben poca cosa. Ma, prima o poi, le misure aggressive dell’autorità monetaria (sei aumenti consecutivi della riserva obbligatoria delle banche negli ultimi sei mesi) produrrà i suoi effetti.

La crescita europea ricalca lo schema dei polli di Trilussa: la locomotiva tedesca cresce a ritmi sensazionali, il sud Europa segna il passo. In generale, l’economia globale arranca più del previsto, cosa che sta scombinando i piani di rientro dall’eccesso di liquidità che la Federal Reserve, almeno fino ad aprile, pensava di mettere in cantiere con l’estate.

Al contrario, nonostante gli eccessi speculativi sui mercati alimentati dal denaro a basso costo e nessun controllo, Bernanke non può stringere i cordoni della Borsa. Anzi, ci avvete Bill Gross, il più importante gestore al mondo sui mercati obbligazionari, è probabile che ad agosto, in occasione del meeting dei governator…

La corsa al nucleare continua

Immagine
Nonostante Fukushima la corsa al nucleare continua.

Nonostante l'incidente di Fukushima, nel mondo la produzione di energia nucleare è in aumento. La World Nuclear Association, citando fonti dell'Iaea, fa sapere che nel 2010 si è registrato un rialzo del 2,8% rispetto al 2009: 2,63 miliardi di kwh contro 2,558 miliardi. L'incremento è dovuto all'entrata in funzione di 5 nuovi reattori, per un totale di 3722 Mw: Rostov 2 in Russia, Rajasthan 6 in India, Ling Ao 3 e Qinshan II-3 in Cina e Shin Kori 1 in Corea del Sud.

Per il 2011 è previsto un lieve calo in conseguenza del terremoto-maremoto in Giappone, che ha comportato la chiusura definitiva di Fukushima Daiichi, e quella temporanea di altri 31 reattori su 55. Inoltre in Germania sono appena stati chiusi 8 tra i reattori più obsoleti.

Si tratterà solo di una parentesi: il rapporto The Future of Nuclear Energy dell'Economist evidenzia un trend al rialzo nel medio-lungo termine. La scelta della Germania di dismetter…

Disabili, c'è soddisfazione dopo la manifestazione di oggi.

Immagine
Welfare, anche le persone disabili "alzano la voce": "Problemi comuni, ma oggi c'è soddisfazione". La manifestazione contro i tagli al sociale davanti a Montecitorio si rivela un successo per il mondo del terzo settore: alcune migliaia di persone per una presenza oltre ogni aspettativa. Straordinaria la mobilitazione di migliaia di persone con disabilità fisica e sensoriale: per Fish e Fand un altro successo di piazza. Forte protagonismo delle associazioni: l'entusiasmo di Uic, Anmic, Ens, Fiadda, Angsa, Coordown. ROMA - Volontari, operatori, persone in difficoltà. Fra le migliaia di persone accorse a piazza Montecitorio per protestare contro i tagli al sociale, la parte del leone la fanno le persone con disabilità. Sono tanti, sono organizzati e si notano anche di più, con i loro cartelli e le bandiere che tappezzano l'area di piazza Montecitorio riservata alla protesta. Le due federazioni delle persone con disabilità, Fish e Fand, non possono che esse…

I Disabili scendono in piazza, non sono più disposti a restare in silenzio.

Immagine
Oggi è il grande giorno. Per la prima volta tantissime associazioni e movimenti a favore dei disabili scendono in piazza davanti al Parlamento uniti per rivendicare i propri diritti, i loro e delle loro famiglie. Un messaggio chiaro a tutta la politica, in particolare a quella del Governo, che con i tagli del passato e con quelli in previsione nella prossima Finanziaria, sta giocando scelleratamente con la vita di milioni di persone.


Vi ricordo che la manifestazione di oggi è indetta dal Forum del Terzo Settore e dalle tante organizzazioni che hanno aderito alla campagna "I diritti alzano la voce". Per dire basta alla liquidazione del welfare italiano e alla distruzione della sussidiarietà che con fatica si era riusciti a costruire nel corso di questi anni, in mezzo a tantissimi altri problemi ancora irrisolti.A partire dal 2012 la cancellazione progressiva del Fondo per le Politiche Sociali e del Fondo per la Non Autosufficienza - quest'ultimo abrogato nel 2011 e senza p…

Raccontami quella volta che in Angola…

Immagine
Due turisti un po’ per caso… un po’ per desiderio.

Finalmente è stata inaugurata la nuova linea ferroviaria che collega Luanda a Malange. Era andata distrutta quasi vent’anni fa, ma adesso il treno può ripercorrere questo tragitto, dalla costa fin quasi al cuore dell’Angola, per trasportare di tutto, uomini e cose. Il governo cinese che coopera per la ricostruzione del paese con il governo Angolano, nel classico rapporto do ut des, ha costruito, solo in quella linea, 423 km di ferrovie con rispettive stazioni.
Entusiasmati per questa novità e con una forte necessità di lasciare il caos della capitale Luanda, io e Desiderio (il mio fidanzato) abbiamo deciso di passare il fine settimana di Pasqua a Malange e vedere le famose cascate di Calandula.
Malange è una delle 18 Province dell’Angola e, come le altre, ha tante bellezze naturali da visitare. Ha in più le cascate di Calandula, che in Africa sono seconde solo alle cascate Vittoria, e soprattutto c’è l’antilope nera gigante (palanca neg…

Anche in Italia treni gratuiti ai disabili gravi?

Immagine
Aspettando la grande manifestazione di domani mattina in Piazza Montecitorio dove i disabili rivendicheranno i loro diritti e i timori sul proprio futuro (con la speranza di non essere presi a manganellate come i precari della pubblica amministrazione), vi segnalo una notizia molto interessante che è stata battuta dalle agenzie proprio stamane.
TRASPORTI: GIRLANDA (PDL), TRENI GRATUITI AI DISABILI GRAVI
(AGI) - Perugia, 22 giu. - "Dal 1 settembre 2011 in Germania i treni regionali saranno gratuiti per i portatori di gravi forme di handicap, un servizio sperimentato anche in Italia su alcune importanti tratte regionali, come la Torino-Milano: per questo motivo ho presentato un'interrogazione ai ministri Matteoli, Fitto e Sacconi per valutare la possibilita' di introdurre un'analoga normativa anche in Italia. Un appello, questo, che rivolgo anche all'assessore regionale in Umbria Silvano Rometti e alla presidente della Regione, Catiuscia Marini, affinche' valutin…

Turismo accessibile ai disabili, a norma il 17,8% degli Agriturismi in Italia

Immagine
Sono il 17,8% gli agriturismi che in Italia dichiarano di poter offrire ospitalità a clienti diversamente abili. Il Friuli-Venezia Giulia e la Basilicata concentrano le maggiori percentuali su basi regionale anche se sono l'Umbria e la Toscana le regioni che dispongono, su base nazionale, della maggior offerta di agriturismi privi di barriere architettoniche. Sono queste le due principali conclusioni dell'aggiornamento dello studio condotto da ''Toprural'' sui quasi 11.000 agriturismi recensiti nel portale specializzato nella ricerca di strutture rurali in Italia ed in Europa. Il Friuli-Venezia Giulia e la Basilicata sono le due regioni che la maggior percentuale di agriturismi accessibili concentrano al loro territorio: questa tipologia di strutture rurali rappresentano il 36% dell'offerta regionale.

Il Trentino-Alto Adige e la Campania sono invece le due regioni dove questa percentuale e' minore: sono accessibili rispettivamente il 7,7% ed il 9% dei l…

Ecco perché i laureati fuggono dall'Italia

Immagine
Stipendi bassi, lavoro precario, zero prospettive per il futuro, cosi' L'Italia diventa per i giovani laureati un paese da lasciare. E' l'amara constatazione che emerge dal rapporto Inca-Cgil sui giovani in fuga dall'Italia.Il fenomeno e' in continua, preoccupante, crescita. Naturalmente investe soprattutto aree come il Mezzogiorno dove le possibilità di lavoro sono più rarefatte che nel resto dell'Italia. Facendo riferimento all'Aire (l'anagrafe degli italiani residenti all'etero) nel 2005 gli italiani residenti all'etero erano 3.520.809 sono diventati 3.915.767 nel 2009. Di questi un terzo e' nato nel paese estero e due terzi emigrati dall'Italia. Negli anni tra il 2001 e il 2006, l'incremento dei laureati iscritti all'Aire e' stato del 53,2%.
Sulla base dei dati Istat, nello stesso quinquennio, hanno lasciato l'Italia 3.200 laureati l'anno. Il calcolo e' in forte difetto perche' molti emigrati mantengon…